Archivio di luglio 2009

Stanco di usare il P2P?

E’ capitato a molti di essere stanchi delle basse connessioni e con continui server che chiudono e ci lasciano a bocca aperta quando noi vogliamo scambiarci file e condividerli con il resto del mondo; naturalmente sto parlando delle reti p2p, da molti considerate illegali, ma ancora qualcosa riesce a campare. Se siete stanchi di questo mondo, potete provare a cercare il vostro file su www.cercailtuo.tk. Ora vi spiego brevemente le funzioni del sito. SYF o Search Your File e’ un algoritmo che ho creato per cercare nelle parent directory di google grazie allo script che offre Google Hacks. Nel sito naturalmente potete trovare file di ogni genere .mp3, .avi, .jpeg, .exe ecc… Quindi in fin dei conti l’ agoritmo nel mio sito funziona quasi da intermediario tra l’ utente cercatore e lo Zio Google. Se non siete esperti di queste semplici ricerche potete ugualmente utilizzare il tutorial presente nella parte in alto a sinistra della pagina e riuscire a comprendere meglio come fare. Se siete curiosi di provarlo non vi resta che accedere al sito!!!

Syst3m Cr4sh

Dov’e’ il cestino sul desktop GNOME di Ubuntu???

Girovagando un po tra alcuni siti web oggi mi chiedevo se fosse possibile avere un cestino anche sul desktop di ubuntu, dato che è precisamente nell’ angolo a destra del monitor. La risposta era semplice, dato che ubuntu utilizza anche GNOME come ambiente grafico, il cestino bisogna solo attivarlo. Vi spiego come:

Da ubuntu digitate la combinazione ALT+F2 ed eseguite l’ applicazione gconf-editor. Una volta nel menù entrate in questa sezione: apps > Nautilus > Desktop e nella finestra alla vostra destra spuntate l’ opzione trash_icon_visible. chiudete tutto ed alla fine vedrete che sul vostro desktop magicamente comparirà un cestino…

Syst3m Cr4sh

Come utilizzare i MetaTags


Diciamocelo, quando creamo un sito web, la cosa che ci auguriamo di piu’ e’ quella che questo, venga publicizzato il piu’ possibile ed abbia quanti piu’ utenti, per farlo crescere sempre piu’. Le informazioni contenute nel web sono migliardi se non infinite e quindi l’uomo ha inventato i motori di ricerca per facilitare la ricerca di una informazione all’interno di un sito web.
I grandi colosso come Google, Yahoo ed altri motori di ricerca, per cercare siti ed informazioni si rifanno a dei complicati parametri, come ad esempio la popolarita’ del sito, quanti siti hanno il link del sito, i contenuti e la giusta sintassi del linguaggio che lo ha programmato.
Ma si puo’ ricorrere a dei metodi abbastanza semplici, anche se ai giorni nostri non piu’ efficaci, per farsi trovare da un Search Engine, questi sono i meta tags.

Grazie ai meta noi possiamo specificare ad un motore di ricerca alcuni contenuti del nostro sito web, come la descrizione, l’ autore, la lingua adottata dal sito, il titolo e poi infine per farsi cercare meglio dal S.E. anche le KeyWord o parole chiave.
Iniziamo con il meta tag AUTHOR.
Author che tradotto significa autore, serve ad indicare ed a speficificare l’ autore del sitoweb. Ora vedremo come inserire un meta tag:
prima di tutto ricordiamoci che i meta tag vanno inseriti nei tag <head></head>, e quindi la sintassi sara <meta name=”AUTHOR” content=”Mio nome”>, dove al posto di mio nome ci sara il vostro nome o l’ autore del sitoweb.

Poi passiamo al meta tag DESCRIPTION.
Come avrete capito, description serve appunto per dare una descrizione generale del vostro sito web non superando i 150 caratteri. Evitate di scrivere slogan publicitari come feci io la prima volta nel mio sito, ma al contrario, cercate di dare una spiegazione del sito nel minor spazio possibile. Non confondere il meta tag description con i tag <title></title> che hanno due funzioni completamente diverse.
La sintassi per il meta tag description sara’ <meta name=”description” content=”Il sito che serve per avere conoscenze”>

Ora analizziamo il tag LANGUAGE.
Anche se per alcuni non e’ di fondamentale importanza questo meta tag, e pur sempre buono per specificare la lingua che adotta il sito come, l’ italiano, l’inglese, il tedesco, il turco, il cinese e tutto il resto…..quindi la sintassi sara <meta name=”language” content=”Italian”>.

Il meta tag KEYWORDS.
Allora siamo arrivati ad un punto caldo quale, quello delle parole chiave. Iniziamo col dire che le parole chiave vanno inserite in ordine e separate da una virgola e da uno spazio: casa, abitazione, residenza, dimora….  e sopratutto devono comparire nella pagina dove e’ presente il meta tag, come ad esempio nella home page se non ci sono le parole casa, abitazione o residenza, e’ quasi inutile mettere nel meta tag keywords queste parole. La lunghezza della lista delle key word non deve essere maggiore di 25 o 30, ma la lunghezza che consiglio e’ non piu di 17 keyword. La sintassi quindi sara’ <meta name=”keywords” content=”casa, abitazione, dimora, residenza”>

Meta tag ROBOTS.
Allora il meta tag robots non staro’ a spiegarlo piu’ di tanto ma serve principalmente per non far andare i motori di ricerca in alcune sezioni del sito che gli utenti non devono visitare, come: admin.php, adminpanel.html, /administrator/, ecc…. e tutte queste perole devono essere contenute nel file robots.txt, che sara’ composto da questa sintassi:

User-agent: *
Disallow: /administrator/
Disallow: /admin.php
Disallow: /search.html

Allora se vogliamo indicizzare il S.E. nel nostro sito esclusivamente visualizzando la home la sintassi sara’ <meta name=”robots” content=”index”>.

Per finire vediamo il meta tag TITLE.
Anche se non serve molto, serve per dare il titolo che si trova nei motori di ricerca ed anche questo da non confondere con i tag <title></title>. La sintassi e’ <meta name=”title” content=”Mio sito, prodotti casalinghi e molto altro”>.

Bene la mia spiegazione e’ finita e spero di essere stato chiaro nella spiegazione, la guida e’ stata creata per imparare anche ad utilizzare i meta tag, ma non sperate che con essi riuscirete a farvi tra i primi posti nelle paginie dei motori di ricerca.
Se qualcuno desiderasse copiare questa guida per riportarla nel proprio, forum, sito, web blog la mia unica raccomandazione e’ quella di mettere il mio nome e se possibile con il link del mio sito web!

Syst3m Cr4sh

Team Viewer


A volte ci capita di dover spiegare qualcosa ad un nostro amico ma su chat cio’ non si puo’ fare, provando per telefono, niente da fare, andiamo a casa sua e sicuramente risciremo a spiegarglielo……
…… e se questo mio amico si trovasse dall’ altra parte del mondo??? Be non c’e’ da disperarsi, la risposta a questa esigenza si chiama Team Viewer!
Questo programma a differenza di molti altri, ugualmente efficenti nel loro lavoro, compie l’ azione di collegarsi con un altro computer in remoto, in modo tale che noi potremo controllare il Desktop di un nostro amico o collega. il punto caldo come al solito e’ la sicurezza…. ma non c’e’ da preoccuparsi, Team Viewer e’ efficente anche in questo, ove grazie al continuo cambiare di password del vostro ID, per un Cracker risulta praticamente impossibile infilstrarsi nel vostro PC senza che voi lo vogliate e poi per funzionare il programma ha bisogno di essere aprto da tutti e due i computer, altrimenti se uno chiude il programma l’ altro non puo’ piu’ collegarsi ed automaticamente quando lo riaprira’ la password sara’ cambiata!!! PROVARE PER CREDERE……
Da tempo la caratteristica che ha affascinato gli utenti di questo spendido programma, sono la semplicita’ d’ uso, la sicurezza e l’ intuitivita’, infatti per collegarvi con un vostro conoscente, non vi bastera’ altro che avere ID e password e siete dentro il PC.
Il programma e’ multipiattaforma, per Windows XP – Vista e MacOSX e purtroppo ancora per GNU/Linux non c’e’ niente, ma si puo ugualmente far partire con software come Wine!

Se ti sei convinto allora fai pure il download da QUI

Syst3m Cr4sh